Come gestire la Psoriasi in gravidanza

La psoriasi e’ un patologia determinata da fattori genetici predisponenti e fattori ambientali scatenanti. Per questo motivo la familiarita’ per questa malattia gioca un ruolo cruciale. Sappiamo che il rischio di un bamabino con un genitore affetto da psoriasi di sviluppare questa malattia e’ di circa il 25%, questo rischio arriva al 60% nei casi in cui entrambi i genitori sono affetti da questa malattia.

Non tutte le terapie che vengono generalmente prescritte per la psoriasi possono essere utilizzate in gravidanza. Come regola generale possiamo dire che sia la fototerapia (terapia con lampade UVB) che la maggior parte delle terapie topiche possono essere effettuate in gravidanza mentre l’assunzione di farmacia per via sistemica in gravidanza deve essere attentamente valutata. Particolare attenzione va posta per i farmi a base di acitretina (derivato della vit A) che non soltanto non devono essere usati durante la gravidanza ma dovrebbero essere sospesi almeno due anni prima di programmare una gravidanza a causa del loro potenziale effetto di provocare malformazioni al feto. Anche i farmaci di nuova generazione, denominati biologici, sono sconsigliati in gravidanza ma non tanto per un loro comprovato effetto sul feto ma per il fatto che non esistono studi su donne in gravidanza.

Il ruolo esatto della gravidanza e delle sue fluttuazioni ormonali nelle pazienti affette da psoriasi non è stato ancora chiarito. Studio clinici hanno dimostrato che in più della metà dei casi le pazienti affette da psoriasi sperimentano un miglioramento del quadro clinico della malattia e quindi una diminuzione del numero e della dimensione delle chiazze durante la gravidanza. Questo effetto però non si ha in tutti i casi; in una percentuale, seppur minore di donne (tra il 10 %e il 20%), la gravidanza induce un peggioramento dell’estensione della malattia e nei restanti soggetti la gravidanza non modifica il quadro clinico. La causa delle modificazioni del quadro clinico in corso di gravidanza non è chiara ma sembra legato al fatto che in gravidanza si ha un aumento dell’ormone cortisolo che agisce da antinfiammatorio e che quindi gioca un ruolo nel migliorare una patologia a patogenesi infiammatoria come la psoriasi. In questi casi si può quasi dire che al gravidanza stessa funziona da terapia per la psoriasi.