Morso di Medusa - cosa fare? - rimedi casalinghi -

In caso di puntura di medusa la prima cosa importante da fare e'rimuovere tentacoli se rimasti attaccati alla pelle, possibilmente senza toccare la testa della medusa testa utilizzando uno strumento come un bastoncino o delle pinze. Successivamente e' opportuno lavare la pelle con acqua di mare. L'acqua di mare e' migliore dell'acqua dolce perche'quest'ultima potrebbe attivare il pungiglione velenoso (nematocisti) che possono essere rimasti incastrati nella pelle, ma che non hanno ancora rilasciato veleno. Inoltre evitare di sfregare la pelle con un asciugamani o altro perche' lo sfregamento può provocare la scarica di veleno.


Successivamente si consiglia di risciacquare generosamente la parte con aceto o bicarbonato per almeno 30 secondi. Infatti l'aceto può disattivare le nematocisti di alcune specie di medusa - essenzialmente l'arresto dei nematocisti incorporati nella pelle che non si sono ancora scaricate di veleno.

Per alleviare il dolore o l'irritazione, studi recenti hanno suggerito che immergendo la zona colpita in acqua dolce passabilmente calda per almeno 20 minuti - dopo aver applicato l'aceto o il trattamento di bicarbonato di sodio - può essere utile per la riduzione del dolore, perché il calore può diminuire la potenza del veleno. In alternativa possono essere usate creme a base di steroidi (es. crema con idrocortisone).

Non e' stata dimostrata l'efficacia dell'utilizzo di urina umana o etanolo per alleviare il prurito e il fastidio.

La maggior parte delle punture di medusa possono essere trattate con rimedi casalinghi destinati a disattivare pungiglioni e alleviare il dolore ma le persone con reazioni gravi o sistemiche come difficolta' respiratoria devono immediatamente recarsi al pronto soccorso.

Un rash o altre reazioni cutanee dovute ad ipersensibilità ritardata possono comparire successivamente ed essere trattate da un medico con antistaminici per via orale o pomate di corticosteroidi.
.